SOSTIENICI!

Con PayPal o carta di credito:

Con bollettino postale o bonifici:
C/C postale: 14644355
INTESA SAN PAOLO - IBAN:
IT89 P030 6909 6061 0000 0140081

Con il 5 per mille:
Codice Fiscale 92 098 640 284


facebook youtube LinkedIn  twitter Instagram

Cerca nel sito

WP_Cloudy
  •   Affrontare l’emergenza senza dimenticare i poveri del Sud del Mondo.
    Per non essere travolti dall’epidemia, sensibilizzazione e prevenzione innanzitutto.  In Ciad  si moltiplicano i centri di formazione per produrre la varechina, potente disinfettante: all’ospedale di Mongo, nei centri di Korbo, Koubo, Bitkine, Dadouar, Niergui, mentre si avvia la produzione in loco di mascherine e indumenti di protezione.
    Con la chiusura delle scuole anche la gioventù si è organizzata in piccoli lavori mentre i più piccoli vengono indirizzati a costruire oggetti in argilla.
    P. Franco Martellozzo è in prima linea, assieme alle strutture di Aura Caritas , al vicariato apostolico di Mongo, alla fondazione Magis.
    Anche fratel Pietro Rusconi, pur colpito dalla scomparsa dei suoi 2 fratelli in Italia per il corona virus, presta la sua instancabile opera, perché come dice lui “non bisogna chiudersi nella sofferenza”.

    Un grande impegno, una grande lotta ci accomuna.

    Tags: , , ,

  • Un estratto del messaggio di speranza e di augurio da p. Franco a Mongo:
    Carissimi,
    In questo momento tutti i media mondiali parlano dell’Italia e della vera “Passione” che state attraversando. Il nostro pensiero va a tutti voi e in particolare a quelli che hanno perduto qualcuno dei loro cari: non bisogna chiudersi nella sofferenza, ma allargare il cuore come quello di Dio.
    Penso molto a voi e mi auguro che il morbo stia lontano dalla vostra casa e che ci ritroviamo un giorno.
    Anche in Ciad si sono prese delle precauzioni: in sostanza quelle promosse dal governo e dalla Chiesa sono simili alle vostre, ma le strutture sanitarie non sono all’altezza di affrontare un simile flagello.

    Oltre alla reazione a livello governativo e pastorale abbiamo intrapreso alcune azioni operative.

    Abbiamo ripreso la produzione di varechina tramite gli impianti ” Dario-Ferro” inviatici da Fraternità Missionaria ai tempi del colera, che ci hanno aiutato a debellare quella terribile epidemia.
    Il prodotto viene utilizzato come disinfettante nei dispensari, nelle biblioteche, nei luoghi pubblici.

    Avendo concluso la formazione agricola con più di 3 mila agricoltori, incontriamo solo i responsabili delle banche dei cereali per sensibilizzarli al problema del coronavirus.

    Produzione di aratri coi fabbri locali appoggiati dall’officina Foi et Joie – Rusconi”.
    Abbiamo organizzato la formazione di 5 fabbri locali, per la produzione di attrezzature agricole a trazione animale, aratri ed erpici. La produzione è controllata, modificata e migliorata dall’officina meccanica messa in funzione grazie all’aiuto degli amici italiani venuti nel Febbraio scorso e alla competenza di fratel Pietro Rusconi.

    Sono già stati prodotti 350 esemplari e si pensa di arrivare al 900-1000.  Solo ora, dopo il fallimento dell’uso di trattori (operazione lanciata con grande pompa dal Governo, ma rivelatisi inadatti al fragile suolo ciadiano) si sta scoprendo l’importanza della trazione animale.

    Ecco succintamente il nostro modo di reagire al coronavirus, mentre ci auguriamo di tutto cuore che rallenti la sua stretta in Europa e che qui ai tropici sia ricacciato dal calore che ora è 44 gradi all’ombra.
    Con affetto e riconoscenza a tutti voi,
    p. Franco Martellozzo.
    Mongo 30 marzo 2020

    Tags: , , , , ,

  • Accolti con grande entusiasmo il 10 gennaio i tre volontari giunti per dare un aiuto ai progetti di p. Franco.
    Claudio Lazzarotto, pediatra, per migliorare l’operatività dei Dispensari con particolare riguardo ai bambini.  
    Angelo Bartolin, ingegnere, per organizzare l’installazione di impianti solari sui Dispensari.  
    Antonietta Baù della FISM, per contribuire a migliorare l’organizzazione delle scuole.
    Partenza rinviata invece per  Sergio Tessari, profondo conoscitore del Ciad, costretto ad un riposo forzato per un incidente. Suo compito: coordinare le attività agricole e delle banche cereali.
    Un grande impegno, un costruttivo aiuto che porti a risultati concreti, come p. Franco invoca.
    Grazie ai volontari che in silenzio e con grande disponibilità mettono a servizio dei bisognosi, tempo, competenza e professionalità. Aiuta anche tu p. Franco: dona. Il tuo sostegno è importante

    Tags: , ,

  • Tags: , , , , ,

  •  Un incontro tra diverse anime, dove tanti testimoni hanno portato le loro esperienze sul campo in un dialogo costruttivo e proiettato nel futuro.
    Da questo percorso è nata la volontà di collaborazione tra i soci di varie associazioni per formare un gruppo operativo con l’obiettivo di lavorare assieme per realizzare i progetti di p. Franco: il suo sogno diventa realtà.
    AURA Italia, è un gruppo senza personalità giuridica, formato di volontari uniti dall’entusiasmo e volontà di aiutare i più sfortunati.   AURA Italia si affianca ad AURA France , una ONG francese che già opera con vari interventi in Ciad, con la realizzazione di progetti di riforestazione e alimentazione.
    Volontari provenienti da vare regioni d’Italia, che oltre alla loro attività si impegnano ad intervenire a fianco di p. Franco: agricoltura, pozzi, scuole, banche cereali, ma soprattutto formazione dei giovani, nell’ottica di aiutare quelle popolazioni a rendersi protagoniste del proprio futuro.
    Segui AURA Italia, iscriviti per ricevere la newsletter a  auraitalia.mongo@gmail.com
    Ma AURA Italia ha bisogno anche del tuo aiuto: sostieni i suoi progetti tramite Fraternità Missionaria  Mano Amica, indicando nella causale “AURA Italia”

     

    Tags: , ,

  • Grande partecipazione al meeting con p. Martellozzo dove gli ospiti in un dialogo col giornalista Maurizio di Schino hanno coinvolto i presenti con le loro testimonianze.
    Obiettivo: continuare a realizzare nuovi progetti a Mongo, una diocesi di frontiera, dove una Chiesa giovane e in minoranza, si confronta con le difficoltà climatiche, con i problemi etnici, con i problemi culturali di confronto con l’Islam.
                                     Nel giro di 20 anni sono stati realizzati:
    500 banche di cereali, per disporre di cereali per circa 50.000 famiglie: un progetto “rivoluzionario”;
    143 pozzi, per fornire acqua a persone e animali da allevamento;
    135 gruppi femminili che coltivano orti comunitari;
    45 scuole elementari gestite dai genitori, 5 scuole medie, 2 licei;
    150 piccole dighe per raccogliere l’acqua piovana ed accrescere il livello della falda freatica;
    3 dispensari;
    1  officina per la costruzione di cucine solari.
    Grazie a queste attività sta nascendo una nuova cultura, che supera le divisioni etniche e religiose e fa capire che unendo le forze si possono vincere fame, sete, desertificazione, ignoranza, strapotere degli usurai.
    Il meeting si è concluso con una serata di GRANDE MUSICA, eseguita magistralmente dall’Orchestra giovanile PROMETEO, con l’esecuzione a fronte di una platea attenta, di brani di alto livello artistico di Vivaldi e Britten.

     

     

     

     

    Tags: , ,

  •  

    A Mongo è in fase di realizzazione un’importante struttura per la formazione scolastica. Sono previsti programmi di alfabetizzazione, di formazione tecnico professionale maschile e femminile.
    Grazie al contributo di 40.000 euro della Regione Veneto, l’edificio dotato di pannelli solari, conterrà 10 aule, la sala riunioni, la sala multimediale, il refettorio, la sala d’attesa, i servizi igienici, l’impianto per la potabilizzazione dell’acqua.
    Ma per completarlo serve anche il tuo aiuto.
    L’istruzione è la via maestra per aiutare quelle popolazioni ad uscire dalla situazione di sottosviluppo, ma sono necessarie le strutture.

     

    Tags: , ,

  • Questo il titolo di un grande reportage su p. F. Martellozzo a firma di Cristina Uguccioni da Mongo sui quotidiani “La Stampa ” e ” Il Secolo XIX” del 12 Dicembre nella sessione “Vatican Insider nel mondo”, sia in Italiano che in Inglese.
    Nel sottotitolo la spiegazione:
    “Storie di convivenza tra credenti in Cristo e islamici. Grazie alle attività promosse dalla Chiesa, che coinvolgono tutto il popolo, la predicazione di un Islam chiuso perde terreno.”

    Un reportage illuminante, conciso e completo, da leggere per conoscere e capire questa realtà e l’opera coraggiosa di p. Franco in un terreno minato dove  la stragrande maggioranza della popolazione professa la fede islamica: i cristiani (cattolici e protestanti) sono solo il 3%. Padre Franco guida in qualità di parroco piccole comunità che sono distribuite su un’area grande quanto l’Italia del nord.”  
    Per comodità del lettore alleghiamo l’articolo anche in formato pdf  Vatican insider nel mondo- 12 12 2017 e il link. 

    Tags: , , ,

« Previous Entries   

Recent Comments

  • Salve sono padre Benoît della Costa d'avoria . Con tristezz...
  • Delle belle foto che mostrano la bellezza dei cuori che si i...
  • E' DA MOLTI ANNI CHE SONO AMICO DI DARIO ED ESATTAMENTE DALL...
  • La presenza di fraternitá Missionaria é arrivata anche nel...
  • Questi risultati sono davvero la vittoria del cuore. La Pasq...